È “Investire nel nostro pianeta” il tema di questa 52ma edizione della Giornata della Terra. L’Earth Day cade ogni anno il 22 aprile, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, dal 1970 e ha come obiettivo celebrare l’ambiente e la salvaguardia del pianeta.

“Tutti, a prescindere dall'etnia, dal genere, da quanto guadagnino o in che parte del mondo vivano, hanno il diritto etico a un ambiente sano, equilibrato e sostenibile”.  È questo il principio fondante della Giornata della Terra, che negli anni è diventata un momento di confronto anche fra leader politici per fare il punto su azioni concrete.

Quest’anno il focus è “Invest in our planet”, Investire nel nostro pianeta. E non a fondo perduto. Sono ormai diverse le evidenze secondo cui esiste una correlazione diretta tra pratiche sostenibili e performance economiche. Aziende che sviluppano alti standard in termini di ESG hanno risultati migliori e persone più soddisfatte al loro interno. Secondo il report Clean Jobs America 2021 redatto da E2 (Environmental Entrepreneurs), le carriere all’interno del mondo delle energie pulite, in America, sono pagate il 25% in più rispetto alla media nazionale degli stipendi.

La sostenibilità sta finalmente vivendo un cambio di percezione: da fardello e rallentatore del business sembra essere diventata un vero e proprio attivatore di indicatori positivi, un sentiero di prosperità.

In tutto il mondo sono moltissime le iniziative legate alla Giornata della Terra: concerti, lezioni, conferenze, visite guidate e manifestazioni contribuiranno a tenere alta l’attenzione sul tema della salvaguardia del pianeta. Perché la conoscenza è il primo passo per determinare un cambiamento.