Tante le attività a sostegno dell’associazione Celus di Scampia, da oltre 30 anni al fianco dei bambini in difficoltà.

Quella di Scampia è una realtà divenuta nota a livello nazionale soltanto negli ultimi anni, attraverso soprattutto la diffusione di libri, diventati in poco tempo best seller, film e serie tv di grande successo. Un territorio che si associa istantaneamente a situazioni di disagio sociale e criminalità, un nome che finisce spesso nei titoli dei telegiornali, il più delle volte nelle pagine di cronaca nera.

A Scampia, in un contesto così complesso e difficile da penetrare, è presente da oltre 30 anni l’Associazione Celus (Centro Educativo Luigi Scrosoppi) Onlus, attiva sul territorio a titolo di volontariato che pone al centro del proprio operato il benessere di bambini e famiglie in difficoltà.

Fin dall’inizio, l’Associazione coordina attività attraverso un solido network territoriale, intervenendo laddove si evidenziano situazioni di disagio e marginalità, a favore dei minori, delle famiglie e in genere delle persone in stato di disagio sociale. Negli ultimi anni ha maturato un servizio sempre più rispondente ai bisogni della collettività, potenziando e arricchendo iniziative educative, culturali, ricreative per i minori e le loro famiglie e collaborando con le altre agenzie presenti sul territorio.

Tra le varie attività sviluppate dai volontari, spiccano l’organizzazione di spazi gioco per i bambini anche piccolissimi (da 8 mesi a 3 anni), l’attivazione del centro diurno “Il giardino dai mille colori” e le attività estive rivolte a bambini dai 6 ai 14 anni.

Un altro significativo ambito di intervento dell’Associazione è quello musicale: il coro Mille Colori e i corsi di musica, attività che fanno parte di un progetto più ampio di crescita della creatività musicale e della capacità di condividere tradizioni musicali di diverse etnie, destinato ai bambini e ai preadolescenti.

Di fronte a un operato allo stesso tempo così nobile e necessario, Repower ha sentito il bisogno di sostenere le iniziative dell’Associazione in molteplici modi. Già durante la prima ondata di Covid-19 ha aiutato a ridurre il digital divide grazie a un contributo che ha permesso di acquistare device utili per la didattica a distanza. In un secondo momento  ha sostenuto i lavori di ristrutturazione dei locali dell’associazione, resi necessari dalla presenza di danni causati dall’usura e dagli agenti atmosferici. Inoltre, ha donato all’Associazione un LAMBROgino e una E-LOUNGE, per consentire a ragazzi e volontari di spostarsi all’interno del centro, trasportare materiale da lavoro, ricaricare i device e avere sempre una connessione Wi-Fi a disposizione. Solo poco tempo fa, inoltre, ha contribuito all'acquisto degli strumenti musicali utili al centro per dar vita a una piccola New Orleans Jazz Band!