Perle di energia

Nome in codice:
conguaglio

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) ha deliberato che i distributori locali di energia elettrica provvedano almeno una volta all’anno alla lettura del misuratore. L’installazione, presso gli utenti finali, di contatori “smart” in grado di leggere a distanza i consumi di energia e il sistema dell’autolettura garantiscono inoltre che i dati in fattura corrispondano ai consumi effettivi.

Se i consumi stimati sono superiori o inferiori rispetto a quelli reali, una volta acquisito il dato fiscale dal distributore locale si corrisponde la differenza rispetto alla somma pagata in acconto, cioè il conguaglio.

Consumi stimati, consumi fatturati

In genere si eroga la fatturazione sulla base dei dati di consumo comunicati dal distributore locale. Nei casi in cui le letture o le autoletture non siano disponibili si utilizzano i dati storici di consumo per stimare i consumi da fatturare. Se i consumi stimati sono inferiori rispetto a quelli reali, una volta acquisito il dato fiscale dal distributore locale si chiede al cliente di corrispondere la differenza rispetto alla somma pagata in acconto, cioè il conguaglio. Viceversa, se i consumi stimati sono superiori rispetto a quelli reali sarà il fornitore a corrispondere il conguaglio al cliente.

Possono essere soggetti a conguaglio anche i dati di misura già rilevati dal distributore e in questo caso si parla di rettifiche dei dati di misura, che possono coprire un periodo fino a 5 anni prima.



Perle di energia

Scopri le altre perle


La consulenza energetica

Scopri tutti i servizi