Informazioni e servizi

Oneri generali di sistema

Con le bollette dell'energia elettrica, oltre ai servizi di vendita e di rete e alle imposte, si pagano alcune componenti per la copertura di costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale: si tratta dei cosiddetti oneri generali di sistema. L'utilizzo e la gestione di questi fondi è disciplinata dall'ARERA che aggiorna trimestralmente le aliquote sulla base del fabbisogno.

Da gennaio 2018 gli oneri generali di sistema sono stati distinti in due componenti:

  • La componente tariffaria Asos, che copre gli oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili ed alla cogenerazione CIP 6/92.
  • La componente tariffaria Arim che copre gli oneri generali diversi da quelli coperti dalla componente ASOS

Sono, inoltre, a carico dei clienti tra gli oneri generi di sistema, le componenti UC3 e UC6 a copertura di altri costi del servizio elettrico (quali, ad esempio, meccanismi di perequazione dei costi di trasmissione, distribuzione e misura..)


Da chi sono determinate 
Le aliquote relative alle componenti tariffarie Asos, Arim e UC sono fissate dall'Autorità e aggiornate periodicamente sulla base delle esigenze di gettito. 

Come sono calcolate 
Le componenti tariffarie prevedono, in generale, corrispettivi espressi in centesimi di euro per punto di prelievo e in centesimi di euro per kWh. 

Da chi sono pagate 
Le componenti tariffarie Asos, Arim,UC3, e UC6 sono pagate da tutti i clienti finali. Sul sito dell’Autorità è disponibile il dettaglio delle componenti dovute per la copertura dei costi sostenuti nell’interesse generale e degli oneri generali afferenti al sistema.

Per approfondimenti si rimanda al sito dell’ARERA.

Informazioni e servizi

Scopri di più

Azienda efficiente

Migliora i tuoi consumi

Perle di energia
Utili approfondimenti sulle novità che rivoluzioneranno il nostro stile di vita.

Facciamo pratica

Spunti e consigli
per una gestione più efficiente
dei tuoi consumi.

Trova una perla

Prezzo dell'energia

L'approccio degli operatori del settore.
Cautelativo da un lato, aggressivo dall’altro.

Quali gli effetti?