Informazioni e servizi

Sospensione termini di pagamento per i Comuni terremotati

Per supportare i Comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016 e successivi, come richiesto dalla Del.474/16 e ss., da settembre abbiamo sospeso i termini di pagamento delle fatture per la fornitura di elettricità e gas, fino al 31 maggio 2017 (con un mese in aggiunta rispetto a quanto richiesto dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).

Abbiamo inoltre deciso di non fatturare i consumi stimati per i Comuni elencati dal comunicato del Ministero delle Finanze del 01/09/16, ovvero:

Marche Arquata del Tronto (AP), Acquasanta Terme (AP), Montegallo (AP), Montefortino (FM), Montemonaco (AP)
Abruzzo Campotosto (AQ), Capitignano (AQ), Montereale (AQ), Rocca Santa Maria (TE),
Valle Castellana (TE)
Lazio Accumoli (RI), Amatrice (RI), Cittareale (RI)
Umbria Cascia (PG), Norcia (PG), Monteleone di Spoleto (PG), Preci (PG)


Pertanto, le fatture emesse da settembre in avanti riportano consumi a zero sia per i punti per i quali non abbiamo ricevuto dati dai distributori (per i quali, normalmente, avremmo calcolato dei consumi presunti), sia per i punti per i quali il distributore ci ha comunicato e fatturato dati presunti (per i quali, normalmente, avremmo fatturato i consumi indicati dal distributore stesso).

Per i Comuni aggiuntivi, rispettivamente agli Allegati 1 e 2 del Decreto Legge 189, le accortezze di cui sopra sono state applicate dal momento della comunicazione delle autorità competenti per quanto riguarda la sospensione dei pagamenti e dal primo ciclo di fatturazione disponibile per quanto riguarda i consumi stimati, fino al momento dell’avvio delle agevolazioni previste dalla Del.252/17, come descritto alla pagina relativa.

Come definito dalla  Del.810/2016 e s.mi., le misure adottate a beneficio dei clienti finali colpiti dal sisma 2016 prevedono che hanno diritto alla sospensione dei pagamenti:

  • Automaticamente i primi 6 mesi dall’evento sismico e successivamente solo su richiesta del soggetto interessato che dichiari mediante autocertificazione resa ai sensi del D.P.R. 445/00 l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda per i successivi mesi di sospensione dei termini di pagamento, le utenze:

- attive, alla data del 24 agosto 2016, nei Comuni di cui all’allegato 1 al d.l. 189/16 colpiti dagli eventi sismici

- attive, alla data del 26 ottobre 2016, nei Comuni di cui all’allegato 2 al d.l. 189/16 colpiti dagli eventi sismici ad eccezione delle utenze e delle forniture site nei comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto, fatto salvo quanto disposto dalla successiva lettera e)

- attive, alla data del 18 gennaio 2017, nei Comuni di cui all’allegato 2-bis al d.l. 189/16 colpiti dagli eventi sismici

  • Automaticamente le utenze:

- site nelle SAE, ovvero nei MAPRE, ivi incluse le utenze e le forniture relative ai servizi generali delle suddette strutture; site nelle aree di accoglienza temporanea alle popolazioni colpite allestite dai Comuni e a quelle site negli immobili ad uso abitativo per assistenza alla popolazione;

- localizzate in una zona rossa istituita mediante apposita ordinanza sindacale, emessa dal 24 agosto 2016 al 25 luglio 2018, in relazione agli eventi sismici che hanno interessato i Comuni di cui agli allegati 1, 2 e 2 bis al d.l. 189/16.

  • su richiesta del soggetto interessato successivamente alla presentazione di una specifica istanza (di cui alla pagina) e previa presentazione della dichiarazione di inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/00, con trasmissione agli enti competenti, le utenze:

- diverse da quelle di cui ai punti precedenti site in altri Comuni delle regioni interessate dagli eventi sismici del 2016 e attive alla data di tali eventi, su richiesta dei soggetti, che dimostrino il nesso di causalità diretto tra i danni ivi verificatisi e gli eventi sismici verificatisi a far data dal 24 agosto 2016, comprovato da apposita perizia asseverata;

- diverse da quelle di cui di cui ai punti precedenti site nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto e attive alla data di tali eventi, su richiesta dei soggetti, che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al D.P.R. 445/2000 con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle entrate e dell’Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti;

- diverse da quelle di cui ai punti precedenti su richiesta dell’utente che pur avendo la residenza o il domicilio in Comuni diversi da quelli di cui agli allegati 1, 2 e 2-bis al d.l. 189/16, abbia subito, a causa degli eventi sismici del 24 agosto e successivi, gravi danni alla propria abitazione e sia pertanto in grado di dimostrare l’inagibilità parziale o totale della stessa e il nesso di causalità con i menzionati eventi comprovato da apposita perizia asseverata.

 

Il termine ultimo per l’emissione della fattura unica di conguaglio, per tutte le forniture (agibili ed inagibili) è prorogato al 31 giugno 2021.

Informazioni e servizi

Scopri di più

La consulenza energetica

Scopri tutti i servizi